News

“Minore a chi?!” a Vallegaudia l’ultimo atto del laboratorio di arti sceniche per l’inclusione generazionale e sociale

Si avvicina alla conclusione il progetto “Minore a Chi?!”, con la settimana di residenza che culminerà nello spettacolo finale, frutto del lavoro dei giovani partecipanti. Mercoledì 12 giugno alle ore 21:00, presso gli spazi di Vallegaudia a Tavullia il pubblico potrà assistere alla rappresentazione dello spettacolo “I segreti di Vallegaudia”, acquistando la tessera ENAC/Turisport a 5 euro.

Ma facciamo un breve passo indietro. Il progetto “Minore a Chi?!”, partito a gennaio scorso presso il contenitore artistico di Vallegaudia, è nato con l’intento di ridurre la distanza che i giovani, soprattutto nelle aree rurali e periferiche, sentono nel perseguire i propri sogni. Grazie al finanziamento della Chiesa Valdese e alla gestione dell’associazione culturale Mestieri Misti, il progetto ha offerto a giovani appassionati di arti sceniche l’opportunità di esplorare e professionalizzare le proprie abilità attraverso sei intensivi weekend di formazione.
Sotto la guida di tutor di rilievo i giovani partecipanti hanno potuto immergersi nel mondo delle arti sceniche, apprendendo competenze in scenotecnica, audiovisivo, luci teatrali, costumi di scena e tecniche di scrittura, anche con l’uso dell’intelligenza artificiale.

«Il progetto giunge all’ultima tappa, la residenza – commenta Filippo Paolasini, ideatore del progetto e fondatore dell’associazione Asini Bardasci – I giovani artisti, dopo il periodo di formazione con alcuni dei maestri del teatro italiano come Antonio De Nitto di Factory Teatro, Max Mugnai di Fortebraccio Teatro, Lapi Lou, costumista della Scala, Marco De Rossi, regista della compagnia Auge Teatro, si riuniscono e per una settimana si chiudono nella Tenuta di Vallegaudia, in questo centro di residenza e culturale. Scrivono, si cimentano con le arti sceniche, realizzando di proprio pugno una pièce frutto della propria fantasia».

Lo spettacolo, intitolato “I segreti di Vallegaudia”, prende ispirazione da “Twin Peaks” in un omaggio a David Lynch, e racconta le vicende di Aron Giorgini, uno scrittore in crisi che cerca di trovare il filo narrativo della sua nuova storia. La trama traccia le maschere di una società contemporanea, con personaggi che vivono ai margini e devono trovare un modo per essere. Lo spettacolo rende omaggio a grandi drammaturghi come Shakespeare, Čechov, Tennessee Williams, e la drammaturgia greca, incarnando le domande esistenziali dei giovani under 18, che chiedono provocatoriamente: “Minore a chi?”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Altre news dai consorziati

20.06.24
Rossini Opera Festival